Elevati enzimi epatici e la cistifellea

Il fegato è uno degli organi principali della digestione. Oltre al suo ruolo nella produzione di ormoni e nella sintesi proteica, produce la bile, essenziale per la digestione di grassi alimentari. Bile è conservato nella cistifellea, un piccolo organo situato dietro il fegato. A causa della loro intima associazione, la disfunzione della cistifellea può influenzare negativamente il fegato, manifestando come elevazione in alcuni enzimi chiave, vale a dire le transaminasi ALT e AST.

Enzimi del fegato

Il fegato produce diversi enzimi coinvolti nel metabolismo. Tra queste, le aminotransferasi, chiamate anche transaminasi, ALT e AST, che funzionano nel metabolismo delle proteine, hanno un particolare valore diagnostico, in quanto diventano elevate in diverse malattie, incluse quelle del fegato e della cistifellea oltre a disturbi di altri tessuti, tra cui Il cuore e il muscolo. A causa di questa generalizzazione ad una varietà di organi, i medici spesso usano i risultati sull’esame fisico e altri segni clinici per guidare la diagnosi.

Livelli Elevati

Aminotransferasi sono normalmente presenti all’interno della cellula, con livelli bassi nel sangue. La presenza di elevati livelli ematici di aminotransferasi indica danni alle cellule ricche di questi enzimi, in particolare alle cellule degli organi sopracitati. Il danno può essere dovuto a una malattia cronica, come il cancro, o un improvviso insulto come avviene in un attacco di cuore, o quando una gallstone si estende nel condotto biliare e provoca congestione biliare.

Malattia della cistifellea

I calcoli biliari, noti anche come colelitiasi, sono il tipo più comune di malattia della colecisti, che colpisce il 10% della popolazione. Il rischio di calcoli biliari aumenta con l’età e è più comune nelle donne. Altri fattori che predispongono includono l’obesità, la gravidanza e la perdita di peso rapida. A volte una pietra può essere depositata nel condotto e portare all’infiammazione della colecisti, chiamata colecistite e del fegato, con un’alzata associata di enzimi epatici.

Enzimi del fegato e la cistifellea

Una elevata fosfatasi alcalina è forse l’indicatore più sensibile e specifico della malattia della cistifellea. Tuttavia, questo enzima non è un enzima epatico, di per sé. Piuttosto, è un enzima digestivo sulla superficie del piccolo intestino. Tuttavia, le transaminasi, ALT e AST, possono diventare elevate prima della fosfatasi alcalina. La loro elevazione tende ad essere meno marcata di quanto si vede nelle malattie epatiche come l’epatite, che aiuta a distinguere la malattia della colecisti dalla disfunzione epatica. I livelli normali di questi enzimi sono da 0 a 40 UI / L.

Altre malattie della cistifellea

Ci sono altre malattie meno comuni della cistifellea. Il colangite sclerosante primario è caratterizzato da infiammazione dei dotti biliari e viene spesso visto in associazione con la malattia intestinale infiammatoria, ad esempio la malattia di Crohn. Anche se questa malattia non è associata a elevazioni delle transaminasi, può portare al cancro dei canali biliari, che possono indurre elevazioni in AST e ALT, oltre a ittero e allargamento del fegato ei sintomi di vomito e perdita di peso.